PMI 4.0, macchine e persone

Industria 4.0 non è fatta solo di norme e sgravi fiscali, ma offre una reale opportunità di crescita alle aziende. La fiera InnovaImpresa presenta il punto di vista degli ingegneri

Le linee manifatturiere integrano sempre più le tecnologie informatiche, con l'obiettivo di aumentare qualità ed efficienza per essere più competitive sul mercato. Per le piccole e medie aziende, però, questo nuovo modello produttivo non è sempre facilmente applicabile. Accade così che anche il Piano Industria 4.0, che prevede sgravi fiscali sino al 36% dell'investimento in macchine e linee produttive digitalizzate, si scontri con la difficoltà di trovare fornitori qualificati e consulenti preparati.

 

Una fiera a misura di PMI

Una risposta concreta alle esigenze del territorio arriva, in Lombardia, dalla fiera InnovaImpresa, in calendario il 16 e 17 novembre a Erba (Co). Gli organizzatori hanno infatti pensato una manifestazione studiata su misura per le esigenze delle PMI, con l'obiettivo dichiarato di fornire agli operatori economici concrete opportunità per la crescita e lo sviluppo attraverso la rappresentazione di quanto il mercato offre in termini di innovazione, nuove tecnologie e soluzioni di ultima generazione per il business.

Per questa ragione, oltre a proporre uno spazio espositivo all'interno del quale saranno presenti Vendor internazionali ed eccellenze tecnologiche locali, gli organizzatori hanno creato un fitto calendario di appuntamenti formativi.

 

Ingegneri protagonisti

Anche gli Ordini degli Ingegneri di Como e Lecco, che da mesi operano nell'ambito del Piano Industria 4.0 a fianco delle aziende del territorio, saranno presenti a InnovaImpresa per aiutare le aziende ad approcciare correttamente le opportunità offerte dalla cosiddetta Quarta Rivoluzione Industriale. Infatti, benché l'attenzione mediatica sia focalizzata soprattutto sugli incentivi fiscali, l'impiego delle tecnologie informatiche comporta un radicale cambiamento delle modalità organizzative e produttive. Un cambiamento nel quale proprio l'esperienza degli ingegneri specializzati nell'ambito informatico e industriale è determinante per evitare investimenti sbagliati.

Da qui la scelta di un titolo emblematico per l'intervento organizzato dagli ingegneri di Como e Lecco il 17 novembre alle 9.30: “PMI 4.0: macchine e persone – Il punto di vista degli ingegneri”. Il programma prevede tre intense ore di confronto con gli ingegneri stessi, ma anche con aziende che hanno implementato davvero le nuove soluzioni di Industria 4.0. L'obiettivo è infatti quello di far conoscere opportunità e ostacoli della trasformazione digitale delle PMI, chiamate a confrontarsi con cambiamenti troppo rapidi per poter essere affrontati con le sole competenze interne.

Per tale ragione, la mattinata sarà aperta da Alberto Bazzi, che illustrerà come sta avvenendo il cambiamento in azienda. Mentre Francesco Meroni spiegherà come affrontare con successo le nuove tecnologie, che sono sempre più a “portata di mano”.

Per dare maggior concretezza a questi aspetti, saranno convolte sul palco Up Solutions, che spiegherà come la raccolta e la gestione dei dati ha permesso di ottimizzare il controllo di gestione della catena produttiva. Mentre Synesis illustrerà il processo di digitalizzazione di fabbrica per il monitoraggio continuo della qualità di processo e prodotto.

Il principale stimolo all'innovazione arriva, però, dagli incentivi fiscali del Piano Industria 4.0, che si concretizzano nell'iperammortamento. Per tale ragione, Nadir Milani illustrerà i concetti di interconnessione ed integrazione, che sono fondamentali per ottenere proprio l’iperammortamento.

Non possiamo però dimenticare che difficoltà tecniche e burocratiche stanno rallentando l'adozione del Piano nelle PMI. Per questa ragione, in chiusura di giornata, Massimiliano Cassinelli illustrerà i nuovi sviluppi normativi (tra cui la proroga per i prossimi anni) e le possibili soluzioni a fronte delle criticità emerse.

Nei due giorni di fiera, inoltre, presso lo stand dell'Ordine degli Ingegneri di Como e Lecco sarà possibile confrontarsi con gli esperti individuati e formati proprio dall'Ordine degli Ingegneri.

Agli ingegneri partecipanti a tutta la durata del seminario verranno riconosciuti 3 CFP.