La viticoltura di precisione si fa con droni e algoritmi proprietari

Il progetto TERRASHARP punta a sostenere l’efficienza e la sostenibilità del comparto vitivinicolo a 360°

In un contesto di crescente incidenza della variabilità climatica diventa strategico poter stimare con precisione la produzione di vino sia nei vigneti destinati a vini di alta qualità, sia in quelli ad elevata produttività. Farlo con tecnologie che possono fornire un valido supporto decisionale anche in viticoltura significa garantirsi un sicuro vantaggio competitivo.

Partendo dai dati raccolti, ad esempio i parametri meteo, i Decision Support System forniscono, ad esempio, un modello di previsione di ciò che avverrà. Ne esistono di molti tipi e per diverse finalità, da quelli che modellizzano lo sviluppo di patogeni a quelli che vengono impiegati per gestire le concimazioni.

Avere a disposizione informazioni sempre più precise e attendibili consente al tecnico o all’agricoltore di applicare al meglio le proprie conoscenze e affrontare diversi scenari con minore incertezza, oltre a rappresentare un vantaggio competitivo per le possibilità di riduzione dei costi e ottimizzazione delle risorse aziendali a vantaggio della sostenibilità aziendale e ambientale.

Da qui la proposta di TERRASHARP, un progetto tutto italiano in ambito Agricoltura 4.0 che offre servizi innovativi con focus sulla viticoltura di precisione, che si trova in fase finale di test sul servizio di previsioni produttive.

Creato nel 2017 da GreenSharp, società specializzata nel settore IT, TERRASHARP ha come obiettivo quello di stimare la produzione sia al momento del rilevamento, sia in proiezione per la vendemmia con l’obiettivo di arrivare a simulare anche l’impatto sulla produzione finale di azioni conducibili durante la stagione vegetativa, come concimazione, eventuale irrigazione, gestione della chioma e quant’altro.

Diventa così possibile aiutare il viticoltore a prendere le migliori decisioni possibili sostenendo l’efficienza e la sostenibilità del comparto vitivinicolo, nello specifico mediante l’utilizzo di tecnologie avanzate per l’acquisizione di informazioni sui vigneti. Grazie all’impiego di droni vengono rilevati dati che sono successivamente elaborati mediante algoritmi proprietari (di image analysis, image recognition e machine learning) per offrire un servizio distintivo di consulenza agronomica a 360° per ottimizzare le operazioni colturali e ottenere benefici in termini di: riduzione dei tempi e dei costi di monitoraggio dei vigneti, stime produttive, prevenzione della diffusione dei patogeni, riduzione dell’uso di concimi e prodotti fitosanitari, riduzione delle differenze di vigore vegetativo per produzioni più uniformi, stabilizzazione dei valori di qualità produttiva, azioni mirate e proattive sulle problematiche riscontrate a livello di singola pianta.