Come cambierà il Piano Industria 4.0?

Il ministro Patuanelli conferma: “Abbiamo riproposto in blocco Impresa 4.0, ma stiamo cercando di valutare alcune modifiche che vadano incontro alle esigenze delle PMI

Il 13 novembre, rispondendo ad una serie di interrogazioni parlamentari, il ministro allo Sviluppo Economico Stefano Patuanelli ha trattato anche le tematiche relative al rinnovo del Piano Industria 4.0.

In particolare, rispondendo ad una domanda dell’on. Molinari, ha ricordato il “rifinanziamento della Nuova Sabatini, non soltanto per il 2020 ma fino al 2025” Ma, soprattutto, ha ribadito: “abbiamo riproposto in blocco Impresa 4.0 ma stiamo cercando, in queste settimane, di valutare alcune modifiche che vadano incontro alle esigenze delle piccole e micro imprese, e quindi anche del settore delle imprese artigianali. Dopodiché c’è certamente la questione del salto di innovazione che anche il piccolo commercio e l’artigianato può fare. Abbiamo pubblicato il bando per i manager dell’innovazione, una persona specializzata che aiuta il piccolo commerciante o l’artigiano a piazzarsi sul mercato elettronico e, comunque, a fare salti di innovazione”.

Poiché queste frasi sono state pronunciate nel corso del Question Time in Parlamento e riportate sul sito del Mise, è abbastanza scontato attendersi una conferma ufficiale anche nella Legge di Bilancio attualmente in discussione.

Si tratta quindi di un’indicazione importante poiché, oltre al rinnovo degli incentivi attualmente in vigore, dovrebbe aprirsi ulteriormente alle Pmi. Mentre non è ancora del tutto chiara quale sarà la svolta green, più volte evocata.