La manutenzione predittiva nell’era dell’ Industry 4.0

Alla BIMU, Innse Berardi e Microsoft presentano la macchina utensile del futuro

Si chiama IBRM, ed è l’acronimo di Innse Berardi Remote Maintenance, la piattaforma software elaborata dalla Innse Berardi e da Camozzi Digital, due delle realtà industriali del Gruppo Camozzi di Brescia più avanzate in Europa nel settore dell’Internet delle cose (IoT). La nuova soluzione, sviluppata anche grazie alla collaborazione con Microsoft, viene presentata in questi giorni alla BI-MU di Milano, la trentesima edizione di una delle principali fiere internazionali di “macchine utensili a deformazione e asportazione, robot, automazione e tecnologie ausiliarie”.

 

Manutenzione anche da remoto

IBRM è una Piattaforma Remota per la Predictive Maintenance, ovvero manutenzione predittiva. Si tratta di un sistema che – grazie all’impiego di un hardware specifico, a sensori e ad algoritmi predittivi sviluppati in anni di ricerca avanzata e con l’impiego delle ultime tecnologie abilitanti in ambito IoT (Big data, Cloud computing, Machine Learning) – consente di massimizzare l’efficacia delle attività di manutenzione dei clienti, intervenendo da remoto e riducendo fermi macchina e costi di manutenzione. Facendo leva sulla piattaforma Cloud Azure e sulla Cortana Intelligence Suite, i dati possono essere trasformati in azioni intelligenti e dopo un’opportuna analisi possono offrire alle aziende clienti le indicazioni necessarie per fare lavorare la propria fabbrica al meglio recuperando efficienza e guadagnando produttività.

La piattaforma, collegata al Cloud Computing di Microsoft, comunica in modalità protetta con il Customer Service ed il team di supporto tecnico della Control Room di Innse-Berardi. Il “condition monitoring” permette di tenere sotto controllo in modo costante gli andamenti dei parametri principali e vitali delle macchine, meccanici, elettrici, elettronici: usura, consumi, surriscaldamento non possono più sfuggire ad un monitoraggio costante e capillare. In questo modo, il “Service Team” di Innse Berardi è in grado di essere continuamente informato dalla piattaforma IBRM circa lo stato di funzionamento del macchinario mentre esso è in azione, anche a migliaia di chilometri di distanza, prevenendo il failure di componenti fondamentali. Il Supporto Tecnico può inoltre assistere costantemente il cliente e fornire informazioni e consigli utili per una efficace e proattiva manutenzione delle macchine.

 

Produttività al top

Questo approccio rappresenta un cambio sostanziale nell’offerta del Gruppo Camozzi, in linea con la tendenza che vede sempre più al centro della Value Proposition non solo il prodotto, cioè il macchinario, ma la sua “produttività”. Nell’epoca dei Big Data, grazie all’ausilio di strutture hardware e software che permettono di effettuare la manutenzione predittiva, gestendo in cloud sulla piattaforma Microsoft Azure ed elaborando attraverso Cortana Intelligence Suite un’enorme quantità di dati ottenuti attraverso i sensori integrati nella macchina, Innse Berardi è in grado di garantire ai propri clienti un incremento della produttività legata ad una riduzione dei tempi di fermo macchina per guasti o manutenzioni straordinarie. 

Con i clienti si parla dunque del valore aggiunto complessivo ottenuto grazie all’utilizzo delle macchine Innse Berardi, e non più dei semplici parametri di funzionamento. L’analisi dell’offerta viene condotta valutando il TCO (Total Cost of Ownership) e il rapporto tra questo e la produttività che si ottiene grazie alle tecnologie integrate sulla macchina stessa.

L’offerta Innse Berardi comprende anche la soluzione IBNET: una piattaforma End2End altamente innovativa per il monitoraggio della produttività. Sviluppato al fine di rendere semplice, efficiente, rapida ed intuitiva la gestione del processo produttivo, questo sistema consente di raccogliere e immagazzinare tutti i dati fondamentali legati alla produzione: condizioni operative delle macchine, stati logici e parametri tecnologici, consumi elettrici, etc… Queste informazioni vengono elaborate e correlate restituendo i principali e fondamentali KPI (key performance indicator, ovvero indice di prestazione) in diverse forme attraverso i cruscotti disponibili (charts, diagrammi, tavole, …).

Grazie ad IBNET e IBRM e ai vantaggi della tecnologia Microsoft applicata ai macchinari, il cliente potrà insomma affidarsi ad un’unica soluzione per la gestione integrata e trasparente del proprio impianto. La centralizzazione e organizzazione dei messaggi provenienti dall’intero processo produttivo in un’intuitiva e ben strutturata interfaccia gli consentirà di mantenere tutti i parametri sotto controllo, in qualunque momento ed in ogni posto. Il tutto, incrementando la velocità di decisione e di risposta e riducendo i costi operativi attraverso una integrazione End-to-End completamente digitale.