SPS IPC Drives Italia: obiettivo centrato per Masautomazione

A Fiere di Parma l’azienda di automazione industriale, controllo di processo e sicurezza ha presentato il meglio della sua offerta

Da sempre orientata a proporre sul mercato prodotti target di sicurezza e automazione macchina per facilitare l’implementazione di Industria 4.0 presso i costruttori di macchine e di impianti e gli utilizzatori finali, all’edizione 2019 di SPS IPC Drives Italia a Parma Masautomazione ha presentato le novità a disposizione del mercato.

Nello specifico, l’azienda certificata e attiva nell’ambito dell’automazione industriale, controllo di processo e sicurezza, ha presentato la sua gamma completa di sistemi di sicurezza uomo-macchina. Parliamo di interruttori interbloccati Fortress (in foto), tappeti, pedane, bordi e bumper SSZ, PLC di sicurezza Dina, Pulsantiere di jog e Moduli Wireless Safety SSP, nonché degli interruttori non a contatto Mechan.

Focus su Industria 4.0
A Fiere di Parma ha suscitato particolare interesse il lancio del sistema di sicurezza Simplifier della rappresentata tedesca SSP. Si tratta del primo e più innovativo sistema wireless che permette la trasmissione di segnali di Sicurezza fino a 100 mt di distanza mantenendo il livello SIL 3 /PLe. Simplifier posizionato a bordo macchina, accentra fino a 18 canali I/O da attuatori di sicurezza o di automazione e li ritrasmette fino a 100 metri di distanza (in campo libero) fino a un Simplifier ricevente che a sua volta dispone di 18 I/O e 4 uscite a relè di sicurezza. Ciò permette di ridurre notevolmente i tempi e i costi di cablaggio.

I visitatori hanno inoltre potuto conoscere in anteprima assoluta Frank, il sistema di sicurezza controllo accessi RFID dell’azienda inglese Fortress. Un prodotto molto innovativo che permette l’accesso a zone pericolose sorvegliate da dispositivi Fortress, tramite badge aziendale. Con questa procedura si permette l’accesso a zone pericolose solo a personale autorizzato, con vari livelli di operatività e mappando la stessa incontrando in pieno le esigenze di sicurezza e tracciabilità che Industria 4.0 richiede.

Particolarmente indicate negli ambienti gravosi, con impianti molto estesi o per aumentare la sicurezza e tracciabilità come nei settori Acciaierie, Magazzini Automatici, Pallettizzatori e varie linee di produzione.

Infine l’azienda tedesca Dina ha presentato le nuove funzioni per i PLC di sicurezza Safeline Vario, come il controllo di 8 assi/motori/encoder in un unico PLC SAFE o la possibilità di monitorare 8 Input da segnali analogici (volt o corrente) per segnali di temperatura, pressione, celle di carico o spostamento, Inoltre grande interesse hanno suscitato i moduli Sensorless, per controllo velocità direttamente dalle fasi del motore senza usare encoder o proximity. Molto pratici ed economici, permettono di raggiungere SIL3/ Pl e di risparmiare per lunghi cablaggi dal campo al quadro elettrico.