È essenziale riconoscere l’ingegneria esternalizzata come motore di crescita e di cambiamento

Transizione 4.0: l'importanza ingegneri

Agli inizi era stato definito Piano Nazionale Industria 4.0 – modificato poi in Impresa 4.0 e diventato poi Transizione 4.0 – il piano da 24 miliardi per l’economia italiana varato per dare nuovo impulso alla politica industriale italiana. Una nuova serie di misure economiche volte a supportare la trasformazione digitale, l’innovazione del sistema produttivo e la sua riqualificazione green, il rafforzamento della competitività di filiera e il sostegno alle startup e alle Pmi, allineandosi al Piano Nazionale Integrato per l’Energia e il Clima 2030 che prevede una sensibile diminuzione della produzione di sostanze inquinanti e nuovi investimenti per il processo di decarbonizzazione e l’efficienza energetica in azienda. In un momento in cui il governo sta iniziando ad attuare questo ambizioso piano di sostegno è urgente ricordare l’importanza degli ingegneri che, al centro di tutte le transizioni, fungono da guida nell’orientamento dei progetti industriali e da collegamento operativo essenziale nella loro realizzazione, garantendone la qualità.

Gli ingegneri, e in particolare le società di ingegneria e di consulenza tecnologica, hanno dimostrato il loro valore all’industria per diversi decenni. Agilità e capacità di transizione sono insite nel loro DNA. I clienti si aspettano flessibilità e adattabilità, qualunque sia il settore di attività, le scelte tecnologiche o l’organizzazione. Ed è proprio questa diversità che consente agli ingegneri di rilevare i primi segnali di cambiamento e di accelerare le transizioni.

Gli ingegneri svolgono un ruolo chiave anche nella delocalizzazione di alcuni settori di attività. L’intelligenza artificiale al servizio della robotizzazione e la formazione degli operatori in realtà virtuale ci permetteranno, ad esempio, di migliorare la produttività negli stabilimenti. Allo stesso modo, gli strumenti di performance industriale sviluppati dall’ingegneria e la grande conoscenza e ottimizzazione dei processi possono contribuire ad accelerare la delocalizzazione di industrie chiave.

In questi tempi difficili, crediamo sia essenziale che l’ingegneria esternalizzata sia pienamente identificata come motore di crescita e di cambiamento, non solo dai produttori ma anche dalle autorità pubbliche. Non siamo solo fornitori di competenze flessibili, ma anche project manager, specialisti nella gestione di progetti complessi (tecnologia, ambiente, regolamentazione, catena di fornitura, finanziamento…), comprese le loro dimensioni sociali (accettazione, impatto sull’occupazione, sovranità…), in completa indipendenza.

In un momento di decisioni di investimento strategiche, opzioni tecnologiche e pianificazione operativa, i produttori e le istituzioni dovrebbero coinvolgere gli ingegneri a monte dei loro progetti.

Un laboratorio di innovazione essenziale

Le società di ingegneria rappresentano il 30% degli sforzi di R&S dei principali produttori di prodotti e attrezzature industriali in tutti i settori. Di natura multidisciplinare, sono già molto attivi nei loro campi di intervento. Per le loro esigenze interne, interagiscono con gli attori più innovativi in termini di organizzazione del lavoro e risorse umane (telelavoro, reclutamento, ecc.). Ma è al servizio dei loro clienti che lavorano con laboratori, università, startup, cluster di competitività, centri di ricerca e sviluppo di grandi aziende, clienti pilota…

In SEGULA, ad esempio, ogni anno portiamo avanti quasi 200 progetti di innovazione con questa tipologia di partner, che vanno dagli strumenti di modellazione digitale, ai materiali innovativi, alla riciclabilità dei prodotti, alle nuove energie fino alla digitalizzazione.

Le società di ingegneria sono anche i contatti naturali per le start-up innovative e le PMI, che si affidano a loro per individuare i casi d’uso migliori e impostare la prima prova del concetto. È quindi fondamentale che i produttori si affidino ancora di più agli ingegneri, che sono dei veri e propri laboratori di innovazione per l’industria.

L’ingegneria come fonte di talento

Operare in una società di ingegneria rappresenta un trampolino di lancio di eccellenza per i giovani perché combina interdisciplinarità, innovazione e diversità di attività e clienti. Accompagniamo questa rapida crescita di esperienza con un’intensa formazione continua, alimentata non solo dagli sviluppi scientifici accademici, ma anche dalle competenze dei nostri clienti e partner più innovativi.

In SEGULA, questo impegno si concretizza in un centro di formazione dedicato, la SEGULA Academy, che ogni anno offre corsi di formazione faccia a faccia ed e-Learning a diverse centinaia di dipendenti. Più in generale, la nostra professione ha proposto al governo francese nell’estate del 2020 la creazione del sistema FMDCI – Training for the Maintenance and Development of Innovation Skills – per migliorare le competenze dei 50.000 ingegneri e tecnici senior che lavorano nella R&S in outsourcing. Siamo così in grado di individuare le professioni di domani e di preparare i nostri ingegneri a praticarle al livello più avanzato dello stato dell’arte.

Flessibilità, innovazione, talento… l’ingegneria risponde in modo chiaro e diretto alle tre priorità stabilite dal piano di ripresa: competitività, ecologia, coesione. E, con ai partner industriali, siamo pronti ad affrontare le sfide di queste transizioni. Insieme, avremo successo in questa nuova rivoluzione industriale.

A cura di Corinne DE BILBAO, CEO di SEGULA Technologies